Condividi:

Network marketing nel turismo: fare rete e rilanciarsi.

Il concetto di rete è divenuto parte della nostra vita, ha cambiato il modo di relazionarsi. Viviamo una realtà dove siamo perennemente connessi e non solo grazie ai computer: device di ultima generazione, smartphone e orologi digitali sono strumenti che ci permettono di sviluppare costantemente le nostre opportunità e restare sempre in contatto.

La rete ci ha permesso di raggiungere in un istante, migliaia di persone con le quali possiamo relazionarci ed interagire in totale libertà approfittando dell’empatia che può generarsi.
Questo consente di sviluppare anche delle strategie di business oggi più ma necessarie per reagire alla crisi del turismo prodotta dalla pandemia.

Utilizzare la rete è una opportunità che in molti fanno ma spesso in modo poco proficuo. Infatti è necessario proporre la propria immagine in modo che questa venga recepita in modo positivo, è fondamentale farsi conoscere anche sotto il profilo umano, di modo che il potenziale cliente abbia acquisito fiducia in quelli che sono i tuoi valori.

Ripartenza del turismo

A causa del lockdown il mondo si è paralizzato e oggi, per un’agenzia di viaggi, un tour operator, una qualsiasi struttura ricettiva, una cooperative di guide o un vettore pullman, la ripartenza appare cosa ardua.
Purtroppo il tempo perso è irrecuperabile ma è necessario correre intelligentemente ai ripari sfruttando un nuovo modello di business in grado di catturare l’interesse dei potenziali clienti. L’idea di viaggiare e di fare le vacanze non si è spenta, tutt’altro. Tuttavia è fondamentale comprendere le nuove esigenze di un mercato che non può più assomigliare a quello esistente prima del lockdown.

Per fortuna è possibile fare riferimento alla rete per sviluppare un tipo di marketing innovativo e performante che non è più ancorato a dei cliché standardizzati bensì ai nuovi canoni che si sono imposti a causa della pandemia.

Rilancio aziendale

L’imprenditore del turismo deve comprendere prima di tutto che il necessario restart implica una poderosa azione di marketing verso l’enorme potenziale platea di clienti online. Dobbiamo avere ben chiaro che la rete deve essere nostra alleata e non concorrente.
Risulta evidente che una struttura ricettiva, indipendentemente se questa sia riconducibile ad un tradizionale hotel di città piuttosto che ad un bed and breakfast eco sostenibile, deve improntare un network marketing online che lo metta in contatto con il suo target specifico di riferimento

.
Anche se le statistiche recitano che l’utenza è più che disponibile a recuperare il tempo (e la vacanza) perduto nell’epoca pandemica, questa si troverà particolarmente confusa dalle tante proposte che avrà a disposizione sul web.
Ecco la ragione per la quale il rilancio aziendale di qualsivoglia realtà commerciale, deve essere attentamente analizzato e valutato seguendo, non solo i tradizionali strumenti del marketing, ma percorrendo anche altre strade che online che oggi risultano imprescindibili.

Una nuova figura di consulenza

Avvalersi di un Tourism Business Coach significa abbracciare una nuova metodica che riduce i tempi e le distanze tra la statica realtà attuale e i target che un imprenditore del settore turistico, si prefigge.

Adottando questo percorso è possibile stimolare risorse che hanno perduto l’originaria spinta, facilitare e migliorare il trend del lavoro in quanto si acquisiscono consapevolezze come quelle rappresentate dalla programmazione, dal marketing, dall’innovazione e da nuove strategie aziendali che offrono la possibilità di crescita anche esponenziale.

Fare rete tra aziende, fornitori ed imprenditori trasversali, significa rendere ottimale l’interazione tra realtà che hanno l’identico scopo di far ripartire l’economia che è rimasta congelata a causa del Covid-19. Sfruttare positivamente i consigli altrui, beneficiare di contatti utili condivisi… Sono mille le opportunità del network marketing.

Organizzare e partecipare ad eventi come meeting e workshop anche online (Skype o Zoom sono risorse utilissime), è il primo passo da intraprendere per materializzare le sinergie.

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *